Arte e Anima

Non sono una esperta d’arte e neppure una critica, ma mi piace commentare mostre e parlare di arte. Mi piace ‘gustare’ una mostra, scegliere di ognuna il mio dipinto preferito o quello che maggiormente mi rappresenta e di esso tracciarne la mia visione.

Mi piace tuffarmi nella vita di quell’artista per comprenderne le scelte e il gusto e per collocare nella storia la sua opera e il senso che voleva dargli.

Non è infatti secondario il fatto che ciascun artista o pittore, in qualunque epoca abbia vissuto, sia sempre stato per quell’epoca e per i suoi contemporanei, profeta di cambiamento e spesso non solo rispetto alle tecniche legate all’arte, ma ai valori, agli ideali e alle idee che iniziavano a camminare in quel mondo proprio attraverso la loro arte.

Non posso dire di avere propriamente un pittore preferito, anche se mi attraggono profondamente la libera espressione di Kandinsky, il gioco sapiente di colori di Chagall e di Klimt, la delicatezza e la dolcezza degli impressionisti e la pittura più sfacciata e netta e contemporanea di Vladimir Volegov.

A ogni modo, se ogni tanto commento una mostra è perché sono una innamorata della Bellezza e quando mi innamoro mi piace condividere la Bellezza che incontro.

Accogliere e spargere Bellezza è uno dei compiti umani che dovremmo avere più cari.

Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’ esistenza di orrendi palazzi sorti all’ improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore».

Peppino Impastato, vittima di mafia 

fa1386d436ab7873735c4e7e009a2346

Vladimir Volegov, donna che legge

47ea66d93179a057c85a5d6af438d187

Se sei una persona di talento, questo non significa che hai vinto qualcosa. Significa che hai qualcosa da offrire. ( C.G.Jung)

Vladimir Volegov ( dipinto)

Screenshot_2018-08-29-19-34-23.png

Klimt, L’abbraccio

L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati. ( C.G.Jung)