Lettura e Vita

State lontano dai bambini feriti ( o bambine ferite).
La mancanza di risoluzione interiore porta a vivere relazioni tossiche e ad aspettarsi che anche gli altri facciano lo stesso.
Vi è una immensa differenza nel modo di vivere la vita e le relazioni tra una persona risolta e una non risolta.
Il punto è che quella irrisolta agirà secondo le sue dinamiche tossiche pretendendo di piegare ad esse colui/colei che è invece risolto/a.

Poiché una persona risolta non si pieghera’ a questo gioco, il risultato saranno dissapori, ripicche meschine, irritazione, meccanismi e atteggiamenti immaturi.

Le persone risolte chiamano vicino a sé persone che sono altrettanto.

E questo vale nell’amore come nell’amicizia.
L’essere risolti non ha nulla a che vedere con la perfezione, ma più che altro con la maturità e la propria integrità interiore, con l’avere elaborato i propri vissuti e averli risolti, e con il non riversare sull’altro quella tossicità che si è scelto di lasciare fuori dalla propria vita.

Una persona risolta cerca di vivere le proprie relazioni con salute e si ribella a ogni copione distorto che quella irrisolta tenta di imporre.

È molto faticoso vivere relazioni con bambini e bambine irrisolti. E soprattutto non è un obbligo se ciò rappresenta tossicità per la nostra vita.

Persone così non sono buoni compagni/e ma neppure amici e amiche autentici, perché il loro narcisismo infantile guiderà sempre più o meno profondamente le loro scelte e il loro comportamento, talvolta in maniera inconscia, talvolta in maniera consapevole e volontaria.

Leggere aiuta a risolversi, a crescere e a migliorarsi. È una terapia di auto aiuto aperta a tutti.

La conoscenza ci salva dall’ignoranza e dall’infelicita’.

Per la tua crescita personale e per la tua formazione interiore seguimi se ti va su:

Salotto culturale virtuale, Donne donne e uomini non ominicchi e quaquaraquà

Salotto virtuale del benessere interiore

20228269_690934494430091_3242883582029853496_n

La gente farebbe qualsiasi cosa, non importa quanto sia assurda, per evitare di guardare la propria anima.

                                                        ( C.G. Jung)